pallacanestro

PALLACANESTRO

di Giovanni Lestini



(3) I fondamentali della pallacanestro



Gli elementi tecnici sui quali si basa l’abilità di ogni singolo giocatore, per consentire a più atleti della stessa squadra di agire in sincronia, sono rappresentati dai seguenti fondamentali: il passaggio, la ricezione, il palleggio, il terzo tempo, il tiro, il rimbalzo, la stoppata, la schiacciata.

Il passaggio può essere effettuato ad una o due mani. Esso è il gesto tecnico che consente di indirizzare la palla verso un compagno di squadra.
Nel caso in cui il passaggio metta un componente della propria squadra nella condizione di andare a canestro, il passaggio prende il nome di "assist".

La ricezione è l’atto motorio che permette al giocatore di ricevere la palla, assumendo la posizione del corpo più adeguata, con lo scopo di prenderne il possesso per poi poterla giocare in attacco.

Il palleggio è il gesto motorio che si effettua imprimendo alla palla una successione di spinte, che le consentano di rimbalzare in una precisa direzione. Il palleggio è il gesto atletico specifico dei playmakers, poichè esso si utilizza specificamente per guadagnare terreno. Normalmente il palleggio è effettuato con una mano, mentre il corpo ha la funzione di collocarsi a difesa del pallone.

Un giocatore commette infrazione se trattiene la palla fra le mani per più di due passi, in tal caso compie una violazione al regolamento, che è punita dall’arbitro

Il terzo tempo è la manovra tattica che il giocatore conduce attraverso una entrata, per portare a compimento l’azione, e realizzare due punti con un tiro ravvicinato o con una schiacciata. Il terzo tempo si esegue compiendo due passi di corsa con la palla trattenuta nelle mani, per eseguire l’elevazione finale ed andare a canestro con lo scopo di realizzare i due punti.

Il tiro rappresenta l’azione più importante, con la quale gli attaccanti "traducono" in punti le azioni d’attacco. Esistono vari modi per eseguire il tiro:

Il rimbalzo è l’atto motorio mediante il quale un giocatore recupera una palla che non ha centrato il canestro e che, in seguito al contatto con il tabellone o con il canestro, ritorna in campo. Il rimbalzo può essere:

Il giocatore più interessato alla conquista del rimbalzo è il pivot, l’atleta fisicamente più dotato e più alto.

La stoppata è un gesto che spesso viene eseguito dal "pivot", il quale solleva le braccia, nel tentativo di bloccare il tiro di un avversario. La stoppata è consentita dal regolamento per respingere od imprimere un cambio di rotta alla palla, a condizione che la parabola descritta dalla palla stessa, al momento della stoppata, sia ancora nella fase ascendente.

La schiacciata consiste nell’introdurre la palla dentro il canestro direttamente con una o due mani, in seguito ad una elevazione eccezionale. Questo spettacolare gesto atletico è tipico di quegli atleti provvisti di qualità fisiche ed atletiche straordinarie.

(segue...)

pagina precedente Torna all'home page pagina successiva

Torna all'inizio

Valid XHTML 1.0 Transitional