primo soccorso

TRAUMATOLOGIA ED ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO

di Giovanni Lestini



(4) Analisi dinamica dell’incidente: controllo dell’infortunato



Il soccorritore che intervenga sull’infortunato deve considerare la dinamica dell’incidente, per stabilire se l’infortunio è di tipo traumatico o medico. Inoltre, il soccorritore dovrà accertare:

In caso di emorragie gravi si dovrà provvedere immediatamente al loro tamponamento.
Per verificare lo stato di coscienza ci si deve accertare se l’infortunato parla spontaneamente, risponde alle eventuali domande poste dal soccorritore, risponde agli stimoli. In assenza di tali funzioni si desume che l’infortunato è in stato di incoscienza.
Se l’infortunato è cosciente, il soccorritore dovrà verificare la presenza di eventuali traumi.
Se l’infortunato è incosciente si procederà alla eventuale presenza del battito cardiaco e del respiro.
Nel caso in cui vi sia la presenza di più infortunati, colui che offre il primo soccorso dovrà effettuare un’ulteriore valutazione per quanto riguarda la scala delle urgenze, che prevede l’intervento immediato in caso di: emorragie gravi, asfissia, arresto cardiaco, incoscienza, alterazione respiratoria e circolatoria, traumi toracici ed addominali, fratture e ferite.
La zona circoscritta dell’organismo che presenta lesioni o infezioni dei tessuti è soggetta ad infiammazione. Pertanto, essa si arrossa e si riscalda per effetto dell’aumentato afflusso di sangue.
Il gonfiore e la sensibilizzazione della zona lesionata sono prodotti dalla penetrazione di liquido nei tessuti, che produce un aumento della tensione della pelle.
Nel seguente diagramma di flusso sono riportate alcune indicazioni sul comportamento da adottare, in qualità di soccorritori, in seguito ad un incidente o ad un trauma di vario genere.
analisi dinamica dell'incidente

(segue...)

pagina precedente Torna all'home page pagina successiva

Torna all'inizio

Valid XHTML 1.0 Transitional