scoliosi

PARAMORFISMI  E  DISMORFISMI

di Giovanni Lestini



(5) Cifosi e lordosi



cifosi Il corpo umano è una struttura alla ricerca del costante equilibrio. Esso, a volte, assume un atteggiamento scorretto a causa della forza di gravità, che tende a spingerlo verso il basso, per cui il rachide può accentuare le curve fisiologiche sia a livello dorsale (da cifosi a ipercifosi), sia a livello lombare (da lordosi a iperlordosi).
Solitamente, i paramorfismi, che compaiono durante l'adolescenza, possono essere causati da una lassità legamentosa e ipotonia muscolare. Ci troviamo di fronte a carenze posturali benigne, che si risolvono spontaneamente con la ginnastica posturale e con lo sport.
E’ proprio in questo periodo che i polmoni, alloggiati all’interno della gabbia toracica, hanno bisogno:

lordosi Cifosi. Abbiamo già considerato, in precedenza, che le curve fisiologiche a concavità anteriore del rachide, nei tratti dorsale e sacrale-coccigeo, rappresentano le due cifosi naturali della colonna vertebrale.
Se ci soffermiamo alla cifosi dorsale, possiamo osservare che questa curva, in sinergia con un'altra curva di compenso, detta lordosi lombare, ha la funzione di ammortizzare, come una "molla", tutte le sollecitazioni che gravano sul rachide.
A causa della ipotonia dei muscoli dorsali e della ipertonia dei muscoli pettorali, il dorso assume una forma sempre più arrotondata, fino alla comparsa della ipercifosi. Questa anomalia del rachide può essere corretta con gli opportuni esercizi e con l'attività sportiva, se non presenta alterazioni strutturali.
Purtroppo, ci sono alcuni casi in cui l'ipercifosi non è correggibile, poiché essa è dovuta ad una grave patologia, detta malattia di Scheuermann, nella quale almeno tre vertebre contigue assumono la forma di un "cuneo", compaiono i nodi di Schmorl's, in cui il materiale discale penetra nel corpo della vertebra, oltre alle deformazioni del piatto vertebrale.
L'aumento di questa curva fisiologica è la causa di forti dolori vertebrali e di alterazioni respiratorie, in quanto i diametri sagittale e trasversale del torace sono ridotti, oltre allo squilibrio muscolo-scheletrico sulla linea di gravità.
Nella classificazione delle ipercifosi, non correggibili, vi sono quelle congenite, la cui origine può essere di natura neurologica, muscolare, neuromuscolare e metabolica (osteoporosi, osteogenesi, osteomalacia - carenza di vitamina D e calcio).

Lordosi. La lordosi è una compensazione della cifosi per cui, nel tratto lombare, la colonna vertebrale compensa lo squilibrio precedente con un’altra curva, detta appunto lordosi. Questo compenso è del tutto fisiologico, poiché è deputato alla funzione di ammortizzare tutte le sollecitazioni che gravano sul rachide.
Quest'ultimo è una struttura ossea mobile, sostenuta da un complesso equilibrio muscolare, in cui i muscoli addominali rappresentano un sostegno naturale, che mantiene eretto l'ultimo tratto dorsale e quello lombare. Se gli addominali sono ipotonici ed i flessori dell'anca sono ipertonici, la colonna lombare forma un'eccessiva concavità posteriore ed il bacino bascula in avanti.
Quanto più sono deboli i muscoli addominali, tanto più è accentuata la curva lordotica.
Di conseguenza, i glutei sporgono all’indietro evidenziando l'"aumento" della classica concavità lombare, detta iperlordosi.
Anche in questo caso è opportuno ricorrere al parere del medico, il quale fornirà delle adeguate indicazioni circa le procedure da seguire.
Specialmente in età giovanile sono consigliati gli esercizi posturali, di mobilizzazione della colonna vertebrale e tonificanti, in special modo i muscoli addominali e dorsali, oltre a quelli precedentemente citati.
Come accade in tutte le deviazioni della colonna vertebrale, l'ipercifosi dorsale e l'iperlordosi lombare tendono a stabilizzarsi, mediante un processo che provoca la deformazione delle vertebre, a causa dell'errata posizione per un tempo prolungato, verificandosi nell'individuo adulto una contrazione costante dei muscoli spinali lombari e della porzione superiore del trapezio, interessando anche i muscoli della nuca.

(segue...)

pagina precedente Torna all'home page pagina successiva

Torna all'inizio

Valid XHTML 1.0 Transitional