scoliosi

PARAMORFISMI  E  DISMORFISMI

di Giovanni Lestini



(4) Alcuni consigli per lo scoliotico



Le deviazioni della colonna vertebrale, anche quelle apparentemente meno gravi, possono diventare molto pericolose per l’individuo se l’azione di recupero non è tempestiva.
E' di fondamentale importanza l'assistenza dei parenti nei confronti dello scoliotico, che consiste nel tenerlo sotto controllo, invitandolo a non assumere una postura, che potrebbe favorire un eventuale peggioramento della curva, anche per non annullare l’effetto benefico della ginnastica terapeutica.
E' bene conservare tutte le radiografie, che devono essere eseguite in ortostatismo, affinché il medico possa osservare l'evoluzione scoliotica, con gli eventuali miglioramenti, anche se di modesta entità.
Si deve rassicurare lo scoliotico, in quanto questa deviazione del rachide non è dovuta ad una cattiva abitudine e nemmeno alla cartella scolastica o allo zaino. Quindi, la responsabilità della comparsa di questa curva non si può attribuire ad alcuno ... nel 70% dei casi (scoliosi idiopatica) la causa è sconosciuta. Nelle altre circostanze i motivi possono dipendere da fattori congeniti, muscolari, ossei, articolari e dalle conseguenze di patologie del sistema nervoso.
Corsetto cheneau Inoltre, è bene precisare che agli individui scoliotici si consiglia la rieducazione posturale della scoliosi stessa, vale a dire l’attività correttiva finalizzata a mobilizzare la colonna vertebrale ed a tonificarne la relativa muscolatura.
Ma perchè fare un trattamento se non si sente dolore?
La scoliosi rischia di aggravarsi fino alla fine dell'accrescimento, soprattutto durante la fase puberale. Bisogna, pertanto, curarla appena possibile, specialmente quando ci troviamo di fronte ad una scoliosi evolutiva.
Se non si segue il trattamento consigliato dal medico, la curva scoliotica e la gibbosità aumenteranno, con una maggiore probabilità di disturbi dolorosi nella vita quotidiana.
Il trattamento con il corsetto non raddrizzerà la colonna vertebrale, e nemmeno la guarirà, ma contrasterà l'aggravarsi della scoliosi e ne rallenterà il suo evolversi.
Il medico prescriverà delle sedute di rieducazione posturale, per eseguire gli esercizi correttivi da fare con e senza il corsetto. L'uso del corsetto necessita di una maglietta, che deve essere in cotone ed indossata a rovescio, per evitare che le cuciture segnino la pelle, altrimenti ci si deve procurare una maglia senza cuciture laterali. La maglietta dovrà uscire dalla parte inferiore del corsetto, per evitare che quest'ultimo sia a diretto contatto con la pelle.
Molti pensano che lo scoliotico debba sospendere la pratica dello sport. Assolutamente no!
Si può continuare ad effettuare l'attività sportiva senza alcuna controindicazione, che il medico individuerà solo in casi particolari. Non bisogna dimenticare che sono i muscoli a sostenere la colonna. Inoltre, durante l'attività motoria o sportiva, i sali minerali di calcio, fissandosi meglio sulle vertebre, ne favoriscono la crescita ed il rafforzamento.
Nella complementarità del movimento, lo sport consente il moto in generale, mentre la chinesiterapia permette un'attività più controllata nell'esecuzione. Gli esercizi proposti nelle sedute chinesiterapiche sono differenti a seconda del tipo di scoliosi. Pertanto, il fisioterapista ed il medico verificano e controllano gli esercizi, alcuni dei quali si eseguono con il corsetto, altri senza.
Pertanto, è auspicabile evitare una vita sedentaria e tutte quelle posizioni che possano provocare gli atteggiamenti scorretti, ribadendo che una sana attività motoria contribuisce all’acquisizione di una postura corretta, ma soprattutto di un valido e sano equilibrio dell’intero organismo.




CLASSIFICAZIONE DELLE SCOLIOSI
Scoliosi ad 1 curva Scoliosi a 2 curve Scoliosi a 3 curve
dorsale dorsale e lombare cervicale-dorsale-lombare (combinate)
lombare

A scopo puramente descrittivo ci si limita ad indicare alcuni esercizi preventivi a carattere generale, anche per acquisire una valida tonicità muscolare, a beneficio delle funzioni svolte dalla colonna vertebrale.
Esercizi respiratori.
Esercizi per gli estensori del rachide.
Esercizi per la mobilizzazione della colonna vertebrale.
Esercizi per la tonicità del trapezio e del romboide.

(segue...)

pagina precedente Torna all'home page pagina successiva

Torna all'inizio

Valid XHTML 1.0 Transitional