neuromuscolare

Il sistema neuromuscolare

di Giovanni Lestini



(3) Innervazione del muscolo scheletrico



Le fibre nervose, che innervano il muscolo scheletrico, sono di due tipi:

Le fibre sensitive veicolano le informazioni sia dagli organi di senso, sia dai recettori articolari e muscolo-tendinei del Golgi, di Ruffini e del Pacini, al sistema nervoso centrale. Esse costituiscono il 40% delle fibre nervose che innervano il muscolo.
Giunzione neuromuscolare Le fibre motorie, le quali rappresentano il 60% di quelle che innervano il muscolo, originano dal sistema nervoso centrale. Esse, in seguito ad uno stimolo, permettono la contrazione del muscolo.
La zona contrassegnata dall’unione tra la terminazione di una fibra nervosa motoria ed una fibra muscolare è detta placca terminale motrice o giunzione neuromuscolare.
La giunzione neuromuscolare alla propria estremità presenta molte vescicole contenenti un neurotrasmettitore: l’acetilcolina. Essa a livello della membrana della cellula muscolare si combina con un composto chimico, provocando la depolarizzazione della membrana stessa. Quando la depolarizzazione della membrana raggiunge un determinato livello soglia, l’eccitamento si propaga a tutta la cellula muscolare. L’acetilcolina che si è formata è rapidamente distrutta dall’enzima colinesterasi, cessando il proprio effetto.
Ciascuna fibra motrice che innerva il muscolo si ramifica in seno al muscolo stesso, di conseguenza ciascuna fibra nervosa innerva più fibre muscolari.

trasmissione impulso elettrico

Tutte le fibre muscolari che sono sotto il controllo di un singolo motoneurone spinale sono dette: unità motoria o mione.

(segue...)

pagina precedente Torna all'home page pagina successiva

Torna all'inizio

Valid XHTML 1.0 Transitional